12 settembre 2018

VENEZIA 75 – La Mia Esperienza

Salve buongiorno e benvenuti, io sono Violetta e oggi vi racconterò della mia esperienza in quel di Venezia. Dice: “Violetta ma che ci racconti? Le vacanze?”

Ma certo che no ragazzi, anche se è stata un’esperienza unica e indimenticabile, a Venezia ci sono andata per lavoro.

Dice: “A fare che? A guidare i vaporetti?”

No, beh, non complichiamo le cose che qui a stento guido la macchina.

Nell’ambito della 75. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, Mastercard ha chiesto a me e ad altri rappresentati della Youtube Italia Cinema e affini, di partecipare e documentare la favolosa masterclass che ha organizzato venerdì 31 Agosto presso l’Italian Pavillon dell’Hotel Excelsior.

START SOMETHING PRICELESS

Ricevere l’invito per me è stato come “Start Something Priceless” ovvero l’inizio di qualcosa di straordinario e speciale. Ed è proprio questo lo spirito con cui Mastercard sostiene il cinema e, nella fattispecie, l’enorme dose di creatività che è il carburante delle idee e delle storie che sono alla base del cinema di qualità.

Quelli di voi che mi conoscono da tanto tempo, o che mi conoscono bene, sanno quanto ami il concetto di creatività, che è l’elemento fondamentale del mio lavoro attuale, ma anche quello del lavoro dei miei sogni per il quale sto investendo tutto l’estro che ho a disposizione. Infatti, per raccontare storie, bisogna solo lasciarsi trasportare delle idee, dalle intuizioni, filtrare la tua vita e quella degli altri, le personalità che conosci, gli eventi che ti accadono, ti accadono intorno, fino a trovare quel concetto chiave, che sarà ciò che vuoi raccontare e sarà il cuore della tua storia. Da quel cuore devi certamente affrontare tutta una serie di aspetti pratici come studiare a sufficienza per applicare la tecnica e scrivere una buona sceneggiatura, trovare un pubblico a cui sottoporre la tua storia, costruirla pezzo per pezzo e magari un giorno riuscire a mettere insieme abbastanza pezzi per farla diventare un film, con tutte le controversie e le difficoltà materiali del caso. Nessuno sta dicendo che basti solo un sogno nel cassetto per far sì che si avveri, ma in tutto questo processo, c’è una cosa impagabile ed è il cuore della tua storia, il momento in cui ha iniziato a pulsare e che ha dato vita al tuo nuovo percorso. È quello e quel momento preziosissimo e unico, resterà tuo per sempre e la gioia creativa ti avrà riempito di entusiasmo.

LA MASTERCLASS

Non avrei mai pensato di avere l’opportunità di poter partecipare a un evento che per un’amante del cinema come me e tanti altri di noi, è impagabile e soprattutto non avrei mai pensato di avere l’occasione di ascoltare dal vivo le parole di artisti che hanno contribuito a realizzare la storia del cinema. Alla masterclass erano presenti il regista visionario David Cronenberg, che ha scritto e diretto film come La Mosca, Crash, Existenz e molti altri.

Il regista rivoluzionario Spike Lee che ha diretto film come Fa’ La Cosa Giusta, Malcolm X, La 25esima Ora, Inside Man e tanti altri. 

La regista italiana Susanna Nicchiarelli, che tra gli altri lavori, ha scritto e diretto Cosmonauta, vincitore del premio Controcampo a Venezia e nominato ai David di Donatello e ai Nastri d’Argento.

Una delle costumiste più apprezzate e talentuose di Hollywood ovvero Sandy Powell, che ha vestito attori di altissimo livello in innumerevoli film ed è una delle costumiste preferite da Martin Scorsese che l’ha voluta per ben sei delle sue pellicole come Gangs of New York, The Aviator, The Departed, Shutter Island e Wolf of Wall Street, ma la Powell ha anche lavorato ai costumi di Intervista col Vampiro, La Ragazza con l’Orecchino di Perla, L’Altra Donna del Re, la Cenerentola di Kenneth Branagh e molti altri.

E infine, era presente anche Blanca Suarez, attrice Spagnola che molti di voi conosceranno per la serie tv targata Netflix Le Ragazze del Centralino, ma che ha preso parte anche in pellicole come La Pelle Che Abito e Gli Amanti Passeggeri, entrambi di Pedro Almodovàr.

Sandy ha parlato della sua esperienza con Martin Scorsese, Blanca di quella sul set de Le Ragazze del Centralino e di come costruisce un personaggio, mentre i tre registi si sono concentrati sul futuro del cinema. Con l’arrivo delle grandi piattaforme di streaming, il cinema ha ancora un futuro? Pareri discordanti tra Spike Lee e David Cronenberg. Il primo sembra intimidito dalla fruizione del cinema su un piccolo schermo o peggio ancora sullo schermo di un cellulare, ma è combattuto perché in fondo, come invece sostiene il secondo, un film è anche un’esperienza intima, privata, che è bello condividere nel buio della sala, ma è altrettanto bello condividere con te stesso nel buio della tua camera. Sono rimasta molto colpita dal carisma spontaneo di David Cronenberg, nonostante fosse un regista che ho sempre apprezzato moltissimo, ho avuto la conferma della mia stima verso di lui sentendolo parlare. Che sia un visionario e un innovativo è sempre stato chiaro dai suoi film ossessionati dalla metamorfosi corporea degli esseri umani, ma sentirlo parlare di teatro e dell’evoluzione del cervello umano, sostenendo che esso avanza con l’avanzare della tecnologia, è stato davvero unico. Ha parlato di cinema e ha trasceso il cinema rendendo il suo intervento più prezioso che mai alle mie orecchie, inoltre dall’alto dei suoi 75 anni (ha l’età del Festival! Salute!) ha trasudato esperienza e saggezza. Il suo modo di esprimersi è divertente e ironico e il suo pensiero però non è conservatore e attaccato al passato come mi sarei ingenuamente aspettata da un uomo così grande che ha scritto il cinema per decenni, è invece all’avanguardia e in linea con le nuove generazioni, con il futuro e l’innovazione dei film, tanto da aver fatto sembrare Spike Lee un tradizionalista e ce ne vuole direi.

Sentire parlare Cronenberg in persona davanti ai tuoi occhi e sentirgli dire concetti in cui credi profondamente e punti di vista che arricchiscono il tuo, non ha prezzo. 

In conclusione posso dirvi che subito dopo c’è stato un altro momento “Priceless” che però è avvenuto in modo del tutto inaspettato. Tornando verso il motoscafo per rientrare dal Festival a Venezia, sulla banchina abbiamo incontrato uno dei miti della nostra infanzia anni ’90 ovvero Jeff

Goldblum ovvero il mitico Ian Malcolm in Jurassic Park, si proprio quello che chiedeva al povero Jon Hammond “È previsto che si vedano dei dinosauri, nel suo Parco dei Dinosauri?”. Una battuta che ancora oggi dopo venticinque anni mi diverto a citare con mio fratello come uno dei ricordi che lega la nostra infanzia insieme. (Per i curiosi: trovate lo scatto sul mio profilo Instagram @violettarocks). 

E poi subito dopo siamo “andati a comandare” in motoscafo, altra esperienza che personalmente non avevo mai fatto. Appena salita e appena messa in piedi tirando fuori la testa dall’apertura sopra le nostre teste, mi sono sentita subito James Bond, ma probabilmente a guardarci da fuori, in sei tutti in piedi ed emozionati come i bambini alle giostre, agitando le mani per salutare le persone basite affacciate dai ponti veneziani, saremo sicuramente sembrati un gruppo di adolescenti isteriche al diciottesimo di una di noi che hanno deciso di festeggiare in pieno stile trash su di una limousine a spasso per la città.

Per concludere ringrazio Mastercard che mi ha regalato un’esperienza fantastica e tutti gli amici e colleghi che hanno vissuto quest’avventura con me, rendendola ancora più unica e indimenticabile.

E grazie a tutti per avermi letta.

Al prossimo post!

CIAO.

Violetta.

13 marzo 2018

Animali Fantastici e I Crimini di Grindelwald | TRAILER REACTION

Ciao! La mia reaction al primo trailer di “Animali Fantastici e i Crimini di Grindelwald” e qui sotto il trailer […]

9 settembre 2018
Venezia 75 Premi

VENEZIA 75 – Partecipanti e Vincitori

La settantacinquesima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia si è conclusa proprio ieri sera. Questa settimana il magico […]

3 settembre 2018

Venezia 75 – Lady Gaga è bella anche al cinema

Quest’anno il festival di Venezia compie  ben 75 anni , ed ha portato con sé una pioggia interminabile di stelle, guidate però da un […]

26 aprile 2018

LITE tra Sherlock e Watson 😱

LITE tra Sherlock e Watson 😱 Ciao giovanotti, in questo video parliamo di Benedict Cumberbatch e Martin Freeman che hanno […]