31 ottobre 2018

Speciale Halloween – Gli Horror preferiti della RockSquad

Felice Halloween amici della RockSquad! Quest’anno per festeggiare Samhain e anche il nostro primo anno qui sul sito della nostra adorata Boss Violetta Rocks, abbiamo pensato di fare un articolo in comune consigliando quelli che sono stati per noi i nostri Horror del (piccolo macabro) cuore. Quelli che ci hanno spaventato, o aperto un mondo o addirittura che ci hanno cambiato la vita (scusate, sono teatrale anche nello scrivere! – Ari).
.
Apro le danze io, assieme a Mercoledì visto che, per una volta, andiamo d’accordo su una cosa (e infatti ci stiamo riprendendo tutti dai vari nubifragi), ovvero sul nostro film Horror preferito!
.
Arianna – The Blair Witch Project
.
.
Non è solo il mio nick di Instagram (@the_blair_witch) ma un vero e proprio stile di vita. Avevo 12 anni. Terza media. Geniale opera di Marketing, quella di spacciare per vera la sciagurata scomparsa di tre studenti di cinema americani, intenti a girare il documentario su Elly Kedward, la Strega di Blair. Joshua, Heather e Mike non furono mai più ritrovati, ma le loro pellicole e i loro girati, sì.
.
Io devo tutto a questo film. Mia madre mi regalò il libro/dossier sulla vicenda, l’ho creduta vera fino a diversi anni fa. Grazie a questo film e relativo libro fake io mi sono appassionata alla leggenda di Elly Kedward e alla Stregoneria. La mia passione è nata da qui, dalle paure e la fascinazione di una dodicenne molto insicura e credulona. Le streghe, le congreghe, la magia, i tarocchi, le rune: Avrebbero fatto parte della mia vita senza The Blair Witch Project?
.
.
Roberto – Donnie Darko
.
.
Perché Donnie Darko è il film che vedrei ad Halloween se ne dovessi scegliere uno tra tutti? Perché io amo Donnie Darko. È uno di quei film che segnano un “prima la visione” e un “dopo”, nel senso che dopo averlo visto qualcosa succede nel tuo cervello e cambia tutta la prospettiva con cui interpreti il mondo. Lo amo perché scatena nello spettatore un risveglio filosofico: quello che per molti è stato Matrix, per me lo è stato Donnie Darko.
.
Perché è uno di quei film che mi inquieta genuinamente e mi toglie il sonno. È una di quelle pellicole che dopo averla vista ti guardi allo specchio e ti spaventi da solo perché ti sembra di aver visto la tua immagine storpiata.
Perché ha una delle scene di Halloween più segnanti della storia del cinema. Tra il citazionismo e l’originalità, Richard Kelly si è portato a casa la migliore narrazione della notte del 31 ottobre tra gli adolescenti americani.
.
:
Gaetano – Rec e Babadook
.
.
Ci sono solo due tipi di horror che mi colpiscono tanto da farmi dire “Vedi questo ad Halloween, ne vale la pena”: quelli che mi terrorizzano e quelli fatti bene. Mi spiego. Nella prima categoria vanno a finire tutte quelle pellicole che veramente mi spaventano, come Rec (di Balagueró e Plaza), perché nulla riesce a coinvolgermi di più dei film in presa diretta, con la loro realtà distorta testimoniata attraverso una videocamera in movimento.
.
Nella seconda categoria riverso invece quegli horror un po’ d’autore, che usano la paura per spiegare allo spettatore qualcosa di più. Babadook, con il suo stile tagliente e il finale su cui ragionare un po’, è l’esempio perfetto.
.
Ilaria – Psycho
.
.
.
Correva l’anno 1960, e Alfred Hitchcok portava sul grande schermo quello che sarebbe diventato uno dei più grandi cult di sempre, ovvero Psyco.
Per chi non ne abbia mai sentito parlare, Psyco racconta di una certa Mary Crane, che dopo aver rubato i soldi del capo fugge per trovare la sua “isola dei sogni” e si rifugia per una notte in un motel, lontano dall’autostrada, dove di rado passa qualcuno.
.
Il padrone di questo motel é Norman Bates, un giovane ragazzo con la passione per l’impagliare uccelli che vive con la madre, una vecchia gelosa e attaccata in maniera ossessiva al figlio.
Sarà proprio la madre ad uccidere la povera Mary Crane mentre questa fa la doccia, ricreando una delle scene più spaventose e belle della storia del cinema.
.
Si, perché se oggi siamo abituati alla violenza come al cappuccino la mattina, nel 1960 era difficile vedere momenti di cotanta violenza sul grande schermo, tanto che le urla delle persone al cinema sono state in grado di riempire i posti vuoti dei meno coraggiosi, e credetemi se ve lo dico perché io già c’ero.
.
Detto ciò, Psyco é senz’altro uno dei miei horror preferiti perché ricrea tensione nei dialoghi e negli occhi degli interpreti, offre quella violenza che ci mostra il lato più “animale” dell’essere umano, e soprattutto ci prende in giro, e sono sicura che per tanti il finale é stato certamente una doccia fredda.
.
.
Natasha – Cannibal
.
.
Questa pellicola narra la storia di un uomo con fantasie cannibali che pubblica un annuncio su internet nel quale chiede di poter cenare con la carne di un uomo. Qualcuno risponde a questo annuncio, e potete già immaginare cosa tratterà il resto della pellicola. Una premessa surreale, un’immagine assurda, che però riproduce fedelmente la realtà: Cannibal, infatti, pur non facendo nomi, tratta il caso realmente accaduto de “Il cannibale di Rotenburg an der Fulda”.
.
Il film riproduce fedelmente gli eventi accaduti durante questo orrido banchetto, con ottimi effetti speciali. Ma non è la violenza visiva ciò che veramente rende questo film così profondamente spaventoso, anzi, è solo il contorno. Nonostante i dialoghi quasi assenti, le inquadrature dei dettagli, i colori scuri e quasi marci, l’aria fetida e malsana che si respira parlano più di qualsiasi orazione.
.
Di simboli ce ne sono davvero molti, dalla storia di Hansel e Gretel al chiamare i due personaggi “The Man” (l’uomo) e “The Flesh” (la carne). Ad acuire il disagio di questa vicenda è l’aria quasi romantica che si respira fra queste due persone consenzienti nell’atto di estrema unione a cui si stanno volgendo. Cannibal non è un film horror sovrannaturale, non spaventa nel senso più comune del termine, ma corrode dall’interno, colpisce la mente e attorciglia le budella.
.
.
Che dire? Avete una bella lista di film da recuperare questa sera sul divano, con amici o persona amata, una bella dose di popcorn e tanta voglia di scoprire qualche film, nuovo. Fateci sapere quali sono i vostri Horror preferiti e quali consigliereste VOI a noi della RockSquad, siamo sempre alla ricerca di nuovi titoli che ci facciano emozionare.
Buon Halloween a tutti!
.

13 marzo 2018

Animali Fantastici e I Crimini di Grindelwald | TRAILER REACTION

Ciao! La mia reaction al primo trailer di “Animali Fantastici e i Crimini di Grindelwald” e qui sotto il trailer […]

21 novembre 2018

Penny Dreadful: City of Angels | La Nuova Stagione senza Eva Green | #ARINEWS

Penny Dreadful torna. Ma senza Eva Green. Senza ambientazione vittoriana. Senza il misticismo letterario proprio delle prime tre stagioni. Quindi […]

20 novembre 2018

Cinque fantastici film in bianco e nero da non perdere

Per la serie i “giovani nati vecchi”, comincio oggi una nuova rubrica dove ogni tot parlerò del mondo del cinema […]

15 novembre 2018

American Horror Story: Apocalypse – La Recensione

Questa Apocalisse non ci convince     Salve a tutti cinefili maniaci, benvenuti nell’angolo delle recensioni di Natasha! American Horror […]

14 novembre 2018
Stan Lee

Grazie di tutto Stan Lee..

Stan Lee non ha bisogno di presentazioni e neanche troppo di celebrazioni forse, dato che sin dall’inizio della sua carriera […]