11 gennaio 2018

Una Serie di Sfortunati Eventi: seconda stagione in arrivo!

Una Serie di Sfortunati Eventi – La recensione della prima stagione

 

Salve a tutti cinefili maniaci, benvenuti nell’angolo delle recensioni di Natasha!

Iniziamo subito con una bella notizia, che è ciò che ha reso possibile questo articolo: la seconda stagione di Una Serie di Sfortunati Eventi approderà su Netflix il 30 Marzo!

Siete felici? Io tantissimo. Credo che Una Serie di Sfortunati Eventi sia stata una delle migliori produzioni Netflix dell’anno passato, e sono sicura che anche questa nuova stagione non vi deluderà.

Che ne dite se, per celebrare questa bella notizia, facessimo un recap della stagione scorsa tramite una piccola recensione? Oh, so che lo volete.

E per voi, sì, voi, vi vedo, voi che non avete ancora visto la prima stagione di Una Serie di Sfortunati Eventi: sappiate che non ci saranno spoiler. Però andatevela a guardare! Su, su!

Allora (colpo di tosse dalla regia? No? Ok.) prima di parlare della serie vera e propria, direi di fare una piccolissima introduzione, ovvero: da dove nasce Una Serie di Sfortunati Eventi?

Correva l’anno 2000 e Lemony Snicket, pseudonimo di Daniel Handler, pubblicò Un Infausto Inizio (The Bad Beginning) ovvero il primo capitolo di quella che sarebbe stata una saga di ben tredici libri (più spin-off); questa saga è, appunto, Una Serie di Sfortunati Eventi.

Protagonisti sono due sorelle e un fratello -Violet, Klaus e Sunny Baudelaire- i quali, dopo aver perso i genitori in un incendio, dovranno passarne di ogni colore (colori tetri, in questo caso) per sfuggire dalle grinfie del loro primo tutore, il Conte Olaf, che farà di tutto per impossessarsi del loro cospicuo patrimonio, anche tentando di ucciderli.

Di Una Serie di Sfortunati Eventi è stato fatto un adattamento cinematografico nel 2004: la storia, tuttavia, comprendeva solo gli eventi dei primi tre libri (Un Infausto Inizio, La Stanza delle Serpi e La Funesta Finestra). Con un cast stellare (spiccano Jim Carrey nel ruolo del Conte Olaf e Meryl Streep in quello di Zia Josephine) questa pellicola è un piccolo gioiello, macabra e divertente al punto giusto. Tuttavia, questo adattamento è sì bello, ma molto lacunoso: la storia è stata tagliata per esigenze di tempo e lascia con molte più domande che risposte.

Locandina del film

 

Jim Carrey nei panni del Conte Olaf

 

 

Emily Browning: Violet Liam Aiken: Klaus Kara Hoffman: Sunny

 

 

Ma a sopperire questa mancanza, ci pensa Netflix.

Una Serie di Sfortunati Eventi è un progetto non poco ambizioso, devo ammetterlo. In tre stagioni (sì, molto probabilmente ci sarà anche una terza stagione, ma non esaltiamoci troppo, non si sa mai cosa potrebbe accadere) vuole comprendere tutti i libri della saga: quattro nella prima stagione, cinque nella seconda e altri quattro nella terza. Ogni libro ha due puntate di spazio, ciò significa un bel po’ di tempo per trasporre al meglio tutti gli eventi dei romanzi.

Senza contare il dover reggere il confronto con il film del 2004!

… Be’, Netflix ha colpito nel segno.

Una Serie di Sfortunati Eventi è non un gioiello, ma un’intera gioielleria. Ogni puntata è orribilmente divertente, macabramente intrigante e, soprattutto, infinitamente… sfortunata. A mio parere, l’essenza di Una Serie di Sfortunati Eventi è stata catturata perfettamente dalla serie Netflix, anche più che dal film. I personaggi sono ben caratterizzati (persino una bambina che non sa parlare) e gli eventi sono narrati in modo fresco e frizzante, senza perdere la componente grottesca che, personalmente, tanto amo.

Locandina

 

Malina Weissman: Violet
Louis Hynes: Klaus
Presley Smith: Sunny

Una nota di merito va a Neil Patrick Harris, nel ruolo del Conte Olaf: spregevole come quello di Carrey, ma a mio parere meno sopra le righe, cosa che, paradossalmente, lo rende ancora più divertente. Nel film Una Serie di Sfortunati Eventi, Olaf era, a volte, fin troppo strano; quello di Harris è, invece, sopra le righe, ma in una maniera stranamente contenuta e così convincente, che vi farà morire dal ridere. L’Olaf di Neil Patrick Harris non deve far vedere di essere folle: è folle.

Neil Patrick Harris nei panni di Olaf

Che dire, se non che aspetto con ansia la nuova stagione? Nulla. Spero sia così perfettamente decadente come la prima.

E voi, cosa ne pensate di Una Serie di Sfortunati Eventi?

Natasha Vagnarelli

@BlackWidow

13 marzo 2018

Animali Fantastici e I Crimini di Grindelwald | TRAILER REACTION

Ciao! La mia reaction al primo trailer di “Animali Fantastici e i Crimini di Grindelwald” e qui sotto il trailer […]

16 ottobre 2018

Chi salverà la DC Comics? Aquaman o James Gunn?

Nella lotta eterna tra chi ha i supereroi con le mutandine più grandi, c’è certamente da dire che la DC […]

13 ottobre 2018

DA VEDERE AD HALLOWEEN: Film troppo imbarazzanti per fare paura

Inizia la road to Halloween: oggi e per i prossimi due sabati usciranno solo playlist di film riguardanti la notte del 31 ottobre (circa, […]

12 ottobre 2018

Adam Driver: Da Kylo Ren a Sancho Panza | Analisi di un Attore | #ARICINEMA

 Adam Driver e L’uomo che uccise Don Chisciotte. Si stanno già versando fiumi di parole, articoli, video in tutta la […]

11 ottobre 2018

Maniac – La recensione della nuova miniserie Netflix

Un’analisi su Maniac     Salve a tutti cinefili maniaci, benvenuti nell’angolo delle recensioni di Natasha! Ebbene sì, signore e […]