27 ottobre 2018

QUANDO SATANA SI CELA DIETRO INNOCENTI FILM – MIGLIORI TEORIE COMPLOTTISTE NEL CINEMA

Sia che si tratti di leggende metropolitane, di creepypasta o di verità che il governo degli Illuminati ci vuole celare, oggi parliamo di 6 fatti inquietantissimi relativi a film o a cartoni animati. E un felice Halloween a tutti.

Il mago di Oz da paura!

Ci sarebbe una scena fortemente discussa in una presunta prima versione del Mago di Oz. Durante la scena della canzone We’re off to see the Wizard (la terza ripresa) sullo sfondo si intravedrebbe una figura appesa ad un ramo. Si vocifera che sia uno degli attori nani che interpretava i Munchkin che si era impiccato per ragioni sconosciute. Successivamente la MGM avrebbe ritoccato i fotogrammi per sostituire l’appeso con la sagoma di uno struzzo o un fenicottero che abbassa elegantemente il collo.

Nella realtà è successo l’esatto opposto.

Un gruppo di burloni molto bravi con l’editing avrebbero messo in circolazione la versione inquietante insieme alla storia del suicidio. Ad ogni modo non è l’unica leggenda che il mago di Oz ha suscitato nel corso degli anni. Sarà per la natura esoterica della fiaba, o per il fatto che la pellicola ha quasi un secolo. C’è chi ci ha visto messaggi segreti massonici e chi l’ha considerato uno strumento di lavaggio del cervello delle masse. Che dire, guardate voi stessi e decidete a quale versione credere.

Pokemon da paura!

Durante l’infanzia ne ho sentite di tutti i colori sui Pokemon. Ma fatta eccezione per quell’infelice episodio di epilessia collettiva, raccontata nel primo articolo della nostra serie, il resto sono delle panzane di livelli stratosferici. Una convinzione molto diffusa sui Pokemon riguarda proprio il nome: originalmente concepito come parola macedonia di Pocket-Monster ovvero “mostro tascabile”, per anni si è portata avanti la teoria per cui fosse la riduzione di Poket-Demon, ovvero “demone tascabile”. Il cartone sarebbe quindi un invito velato ai bimbi di tutto il mondo di evocare demoni. Ma se anche fosse vera l’interpretazione linguistica del nome, non dobbiamo dimenticarci il paese d’origine del cartone animato, il Giappone. Nella mitologia nipponica i demoni non sono figure antropomorfe e negative come nella cultura occidentale e spesso – chi segue gli anime lo sa – sono entità che vivono in simbiosi dell’uomo, morfologicamente più vicine ai nostri mostri che ad entità sataniche.

Una seconda diceria molto diffusa riguardava il merchandising, ovvero i peluche. Girava la voce di bambini trovati soffocati nel passeggino con a fianco il peluche di Pikachu.

Ancora più angosciante sarebbe la teoria sull’ipotetica sindrome di Lavandonia. In seguito all’uscita di Pokemon rosso e blu si sarebbe registrato un incremento di casi di suicidi in età infantile (10 – 15 anni). Si è attribuita la colpa al tema musicale della città di Lavandonia, città fittizia del gioco. Caratterizzata da un tema cupo, colori spenti e la mancanza di una palestra. Si è detto che il tema conteneva delle frequenze che porterebbero una mente fragile al suicidio. Ma Lavandonia fa rima con fandonia e ad oggi nessuno è riuscito a spiegarmi la correlazione tra frequenza sonora e suicidio. Non vi rimane ancora una volta che ascoltare e valutare voi stessi.

 

Doraemon da paura!

Celeberrima chiave di lettura della serie animata (e del manga) secondo cui Nobita sarebbe un bambino in coma che sogna tutte le sue avventure con il gatto spaziale. La fantasia del bimbo sarebbe stata stimolata dal peluche di un gatto senza orecchie che il bambino tiene sul letto insieme a lui durante il suo lungo sonno. La verità su Nobita and friend sarebbe contenuta nell’ultimo numero del manga, mai pubblicato. Tutto ciò ovviamente è apocrifo, messo in giro per la rete dalla fantasia malata di alcuni fan. In realtà nell’ultimo numero del manga il gattone se ne torna nel futuro coi suoi chiusky, dopo essere finalmente riuscito ad insegnare al suo padrone, un vero pigrone, ad alzare il culo e prendersi quello che voleva.

Shining e l’allunaggio da paura!

In molti ritengono il filmato dell’allunaggio di Armstrong del 1969 un falso, distribuito dagli Stati Uniti per mostrare i muscoli alla Russia, in pieno clima di Guerra Fredda.

Il che sarebbe anche plausibile. Del perché però tra tutti gli autori si sia puntato il dito contro Stanley Kubrick come probabile regista del fake non so darvi una ragione. Forse il suo Odissea nello Spazio ha colpito così tanto l’immaginario collettivo da averlo incastrato nel ruolo di figlio delle stelle. Bah.
Comunque si ritiene che in Shining l’autore avrebbe disseminato indizi per ammettere la sua complicità con il Governo degli USA. Sono per la maggior parte teorie deliranti, ipotesi forzatissime. La più interessante ritengo sia l’interpretazione generale di tutta la vicenda di Jack Torrance secondo cui l’uomo sarebbe l’alter ego del regista che cela alla moglie il terribile segreto di lavorare per i servizi segreti, producendo materiale che avrebbe ingannato il mondo intero. Chiave di lettura che potrebbe giustificare anche l’ipotesi che Kubrick sia in realtà uno stupratore seriale o il vero assassino della Dalia Nera. Ma vabbé.

L’ultima tentazione di Cristo da paura!

Il film ha fatto indignare tutta la Chiesa cattolica, dai credenti ai piani alti. Ma forse avrebbe irritato piani ancora più alti, che più alti non si può. Parrebbe infatti quel particolare effetto di transizione finale, quando Gesù si dissolve insieme alla pellicola, non sia stato inserito né dal regista né dal montatore, ma si sarebbe autogenerato nella pellicola per una volontà soprannaturale.

 

13 marzo 2018

Animali Fantastici e I Crimini di Grindelwald | TRAILER REACTION

Ciao! La mia reaction al primo trailer di “Animali Fantastici e i Crimini di Grindelwald” e qui sotto il trailer […]

13 ottobre 2018

DA VEDERE AD HALLOWEEN: Film troppo imbarazzanti per fare paura

Inizia la road to Halloween: oggi e per i prossimi due sabati usciranno solo playlist di film riguardanti la notte del 31 ottobre (circa, […]

16 giugno 2018

Tutte le volte che i media hanno preso il controllo del nostro cervello #1

Vi sarà capitato di imbattervi in siti complottisti che vi volevano spiegare come la Disney inserisca messaggi subliminali per rendere […]

21 novembre 2018

Penny Dreadful: City of Angels | La Nuova Stagione senza Eva Green | #ARINEWS

Penny Dreadful torna. Ma senza Eva Green. Senza ambientazione vittoriana. Senza il misticismo letterario proprio delle prime tre stagioni. Quindi […]