24 febbraio 2018

Le Cronache di Narnia al cinema nel 2019: nessuno tocchi C.S. Lewis

Una delle saghe che ha certamente accompagnato la tua infanzia sta per tornare di moda. Il penultimo libro delle Cronache di Narnia, La sedia d’argento, sarà girato nel luglio del 2018 in Nuova Zelanda (terra proverbialmente elfica) e vedrà gli schermi nel 2019.

 

Leoni e streghe di Narnia ancora incantano il cinematografo

Dopo il mezzo flop del Viaggio del veliero, i produttori hanno voluto aspettare qualche tempo prima di rimboccarsi le mani e trasporre la penultima avventura dei fratelli Pevensie. La regia è stata affidata a Joe Johnson, croce e delizia del cinema blockbuster e autore di Pagemaster – L’avventura meravigliosaJurassic Park 3, che ha dichiarato essere la sua ultima fatica prima di appendere la cinepresa al chiodo. La riscrittura invece sarà curata da David Magee che nel 2012 è stato ad un passo dal conquistare un oscar per Vita di Pi.

Ciliegina delle ciliegine, Millie Bobby Brown (Undi di Stranger Things) potrebbe essere coinvolta nel progetto, nel ruolo della protagonista Jill.

Insomma gli ingredienti per un ottimo film fantasy sembrano esserci tutti, e non c’è nessuno più di me che desidera che sia un successo di critica e botteghino. Anche perché i produttori hanno già dichiarato il “o la va, o la spacca”. Se questo capitolo non avrà gli incassi sperati, la saga cinematografica potrebbe non vedere mai la conclusione. L’Ultima battaglia uno dei finali più shoccanti di sempre nella letteratura per bambini, rimarrebbe relegato alla carta stampata. E vedermi sfumare davanti agli occhi la prospettiva di giovani menti turbate da un finale mindblowing mi rattrista sempre un pochino.

“No, Aslan, smettila di soggiogarmi con la tua visione maschilista della cosa!”

Polemiche in vista, ma nessuno tocchi C.S. Lewis

Come sempre, i detrattori del film spuntano come funghetti già dalla fase embrionale della pellicola. Abortisti insomma. C’è chi pensa che Narnia propini una morale troppo vecchio stampo. Ma a questo ha già pensato lo sceneggiatore, che ha dichiarato che il film non seguirà pedissequamente le orme del romanzo, ma subirà un’attualizzazione. C’è chi pensa che la saga abbia stramazzato a sufficienza nel 2010 e il tentativo di rilanciarlo sul mercato sia assimilabile alla negromanzia. Possibile, ma perché dirlo a monte? Avete mai deciso che il figlio di una coppia di vostri amici nasca brutto al terzo mese di gravidanza?

E poi c’è una critica in particolare che mi sta qui (e con indice e pollice sto segnando l’esofago) e che ogni volta che si parla di Narnia torna e ritorna. Da molto tempo ha aleggiato in ambito accademico, ci ha poi pensato J.K. Rowling, la mamma di Harry Potter, a riversarla in ambito pop. Narnia è maschilista e Aslan un patriarca (sembra un mantra). Tempo fa ho letto persino un articolo che sosteneva che il Leone fa del mobbing alla Strega Bianca. Facciamo chiarezza.

Nel lontano 2005, J.K. Rowling ha affermato che sebbene parte dell’immaginario di Narnia sia confluito nei suoi Harry Potter, ha sempre provato un certo disagio a rapportarsi con il suo autore. Il passaggio dolente riguarderebbe il momento in cui, nell’ultimo libro, (SPOILER) Susan si allontana da Narnia, non tanto per la sua maturazione quanto per la sua frivolezza.

« Arriva un punto in cui Susan, la maggiore delle due ragazze, perde il contatto con Narnia perché comincia a interessarsi ai rossetti. È diventata irreligiosa fondamentalmente perché ha scoperto il sesso, e questo mi crea grossi problemi. » – J.K. Rowling

“Guarda Edmund. Decontestualizzazioni. Decontestualizzazioni, everywhere!”

L’errore di decontestualizzare gli autori

Certo, sostenere nel 2018 che i rossetti distraggano la donna dai valori religiosi e morali è follia generalista. Ci dimentichiamo però che C.S. Lewis non è un autore della nostra decade e volendo vedere nemmeno del nostro secolo o millennio. È figlio del lontano 1950, il secondo dopoguerra, anni in cui gli afro-americani avevano autobus e scuole a parte, le donne non votavano e l’educazione sessuale era rigorosamente filtrata dalla morale cristiana. L’Europa aveva appena assimilato il concetto secondo cui è sbagliato sterminare un’intera razza solo perché sta sullo stomaco ad un baffetto pazzo e ci scandalizziamo se le idee in fatto di parità di sessi di un letterato non erano esattamente all’avanguardia?

C’è un’altra cosa poi: l’autore e l’opera sono di matrice dichiaratamente apologetica. Durante tutta la saga l’autore profonde insegnamenti tratti dalla bibbia, cita vicende tratte dalla bibbia, ne rielabora il codice etico ed estetico. Così era fatto l’autore e così il suo bagaglio culturale. Gliene si può fare una colpa?

Se poi indulgiamo nella follia di rileggere i classici della letteratura con la mentalità del 2018 chi si salva più? Dante piazza gli omosessuali in un girone infernale tutto loro: omofobo. Per Manzoni la donna virtuosa è Agnese che si spupazza i nipoti mentre spadella notte e dì: maschilista! Shakespeare poi nel suo Riccardo III fa della donna un inutile orpello in balia di personalità maschili.

Ma loro non sono del 1950. Giusta osservazione, ma.

C.S. Lewis era un passo avanti rispetto agli autori coevi. Nel romanzo Susie e Lucy, benché continuamente sottoposte all’autorità del fratello maggiore, sono due paladine valorose, propositive e non passive. La compagnia dell’anello del blasonato Tolkien (amico di Lewis) è tutta al maschile. Maschi sudati, proattivi e positivi e nemmeno una donna: una voliera insomma.

@TonyStark

13 marzo 2018

Animali Fantastici e I Crimini di Grindelwald | TRAILER REACTION

Ciao! La mia reaction al primo trailer di “Animali Fantastici e i Crimini di Grindelwald” e qui sotto il trailer […]

16 febbraio 2018

IAN MCKELLEN: NUOVA SERIE TV SUL SIGNORE DEGLI ANELLI

Cosa ne pensate di questa nuova serie TV sul Signore degli Anelli? 🙂 PETIZIONE PER IAN MCKELLEN? ✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮✮ Tutti i […]

3 dicembre 2017
Johnny Depp nei panni di Grindelwald

Perché alla gente non piace Johnny Depp come Grindelwald?

La lista di personaggi che ha interpretato Johnny Depp e che sono entrati nei cuori di miliardi di persone è […]

13 agosto 2018

Gal Gadot non solo Wonder Woman! Nuovi progetti per lei

L’abbiamo vista bellissima e potente, nei panni dell’eroina più a stelle strisce di tutti, ma è arrivato il momento, per […]