30 novembre 2017

Due o tre parole su Justice League – NO SPOILER

Justice League – Recensione a freddo

 

 

Salve a tutti cinefili maniaci, benvenuti nell’angolo delle recensioni di Natasha!
Lo ammetto, sono un po’ emozionata dal dover parlare di uno dei film del momento, nonché abbastanza terrorizzata; non voglio ricevere raffiche di pomodori virtuali. Parlerò ovviamente delle mie opinioni, ma, come sempre, sarò apertissima al dialogo (costruttivo, grazie, prego) con voi, miei adorabili lettori del giovedì.

Stavolta potete anche stare sereni, perché queste mie parole in croce saranno totalmente spoiler free.
Che dite, iniziamo?

Allora, facciamo come sempre qualche piccola premessa, e la prima fra queste parte dalla dicitura “recensione a freddo”. Sono andatata a vedere Justice League sabato 18 novembre e avrei voluto subito scrivere qualcosa al riguardo. La domenica, infatti, avevo già tutto bello che preparato, ma una volta messa davanti alla cartella bianca mi sono resa conto che, no, non potevo far nulla in quel momento. Avevo ancora troppe emozioni e idee che cozzavano nel mio cervello: qualsiasi cosa avessi tirato fuori, non sarebbe andata bene. Per questo motivo ho deciso di stendere le mie opinioni di Justice League il 23 novembre (voi la vedrete online il 30) ovvero dopo aver fatto passare cinque giorni dalla visione. Un tempo decente, mi pare. Adesso, nella mia testa, è tutto più chiaro e penso di poter scrivere una recensione perlomeno decente.
Seconda premessa. Non parlerò dei fumetti, non li citerò, farò finta che non esistano per concentrarmi solo ed esclusivamente sul film. Dopotutto, Justice League fa parte del DC Cinematic Universe, quindi qualcosa che, sì, prende ispirazione dalla tradizione fumettistica, ma che deve riuscire a stare in piedi da sé.
Oh, stessa cosa per le serie tv DC. Non le nominerò neanche.

Molto bene, ora possiamo passare all’analisi vera e propria. Purtroppo dovrò essere un po’ vaga per evitare di fare spoiler, ma cercherò comunque di proporvi la mia opinione. Partiamo, dunque, con la trama.
… Eh. Partiamo male.
Fermi, fermi, fermi, non sparatemi. Lasciatemi spiegare. La trama di Justice League è molto semplice e lineare, il che non è un male, però leggetela un paio di volte (non ci sono spoiler, è proprio il succo del succo del succo del nocciolo): un cattivo proveniente da un altro mondo vuole conquistare la Terra utilizzando degli oggetti dal potere incredibile. Alcuni eroi decidono di unire le forze per sconfiggere il nemico comune.
Non vi ricorda qualcosa? Proprio niente? Proprio niente nient— AVENGERS.
Signore e signori, questa è la trama di Avengers s-p-i-c-c-i-c-a-t-a. Non hanno neanche provato a fare qualcosa di diverso.
Lo so, lo so; non si può fare molto con un film di supereroi, direte voi, però abbiamo esempi non così lontani (la trilogia del Batman di Nolan, per esempio) di come si possa fare un po’ di più. Certo, anche ne Il Cavaliere Oscuro vi è la solita solfa del cattivo da sconfiggere, però il tutto è condito con approfondimenti psicologici e riflessioni quasi filosofiche. Anche in Justice League avrebbero potuto farlo, hanno messo le basi per potenti introspezioni sull’identità, sull’essere una persona… e le hanno lasciate lì a morire. Molto bene.
In Avengers, almeno, non c’era questa grande pretesa, anche perché ogni personaggio aveva avuto almeno un film per essere presentato a dovere, vero, ma soprattutto perché quello si è voluto fare è stato mettere insieme soggetti carismatici e farli interagire tra di loro. Basta. Forse solo Bruce Banner ha avuto un ruolo più drammatico, ma che, almeno nel primo Avengers, è stato risolto in una maniera che non ha infastidito.
In Justice League avrebbero potuto sfruttare moltissimo Cyborg, che era partito benissimo, per poi perdere gran parte del dramma in dieci secondi, senza una motivazione particolarmente forte.

Visto che abbiamo introdotto Cyborg, direi di parlare degli altri personaggi della Justice League. Anche qui, non potrò essere troppo specifica, ma vedrò di fare il possibile.
E qui potrò divertirmi un po’ di più.
Sicuramente il migliore è Barry Allen, ovvero Flash (Ezra Miller). Di lui abbiamo le maggiori sfaccettature: è comico, insicuro, goffo, eroico. Anche lui poteva essere approfondito di più, soprattutto per quanto riguarda il suo passato, però anche così fa un buon lavoro.

 

Barry Allen/Flash (Ezra Miller)

 

 

Cyborg, alias Victor Stone (Ray Fisher) parte bene, ma si perde. Da tormentato ragazzo che non sa più chi è, diventa un manichino. Meccanico. Non ho la minima idea di cosa sia successo durante la sceneggiatura, però non venitemi a dire che sono bastati due sorrisi di Wonder Woman per farlo cambiare completamente. A proposito, parliamo di lei!

 

Victor Stone/Cyborg (Ray Fisher)

 

 

Allora, qui devo mettermi una mano sul petto, inspirare profondamente e non farmi distrarre da quanto sia meravigliosa Gal Gadot.
.
.
… Ok, ci sono. Dunque, Diana Prince in Justice League spacca i culi, non c’è nulla da dire. La scena della sua presentazione fa fare un death drop alla mascella. Diciamo però che, rispetto a Berry, non ha troppe sfaccettature: è comunque un personaggio tra i meglio riusciti, ma in alcuni momenti è un po’ piatto e la sua evoluzione viene messa leggermente in secondo piano, riducendola ad un’inquadratura ed una frase poco potenti.
Ah, piccola annotazione: io lo so che Gal Gadot è bellissima, però qualche inquadratura di meno al suo deretano potevano farla, eh. Così, per rispetto.

 

Diana Prince/Wonder Woman (Gal Gadot)

Ma a proposito di fanservice… in Justice League c’è Jason Momoa! E sì, non ho detto Aquaman per un motivo ben preciso. Se non fosse per una scena in acqua e per il tridente, io mica l’avrei capito che si trattava di Aquaman. Non penso sia un male costruire un personaggio attorno all’attore che lo interpreta, però in questo caso hanno preso Jason Momoa, hanno cercato di inquadrarlo il più possibile bagnato e a petto nudo, e hanno fatto dire due o tre volte a Batman il suo nome. Basta.
E, per carità, in Justice League Jason Momoa è super carismatico, mi è piaciuto un sacco, ma non mi ha trasmetto Aquaman. Mi ha trasmesso solo Jason Momoa. E, vedasi Gal Gadot, potevano oggettificarlo molto, molto meno.

 

Arthur Curry/Aquaman (Jason Momoa)

Ora c’è la patata bollente, e non ho usato questo modo di dire a casaccio.
Parliamo di Batman. Bruce Wayne. Io lo so che Ben Affleck ce la sta mettendo tutta ad interpretare il suo ruolo, ma a me pare che, come Batman, in particolar modo in Justice League, sia decisamente una patata. È impacciato, poverino, non ha lo stesso carisma da leader che ha Iron Man! È lì che cavalca le montagne manco fosse un personaggio di GoT, ci prova con Diana, indossa il costume, ma proprio non ce la fa!
Anche il pipistrello sul Batcostume non ha voglia di vivere! Se lo guardate bene, è spiaccicato sui pettorali come una frittata senza speranza.
Forse Ben Affleck stava cercando di trasmettere l’incapacità di Batman/Bruce di relazionarsi con gli altri, però più che sembrare chiuso, cupo e misterioso, sembra solo incredibilmente goffo.
Mi spiace, ma è così.

 

Bruce Wayne/Batman (Ben Affleck)

Del cattivo non dico nulla, perché potrei fare spoiler, ma per dirvi quanto è stato carismatico, vi basti sapere che non mi ricordo neanche il nome.
… E poi. Io vorrei parlare di un altro personaggio di Justice League, uno che mantiene la stessa espressione per tutto il film, ma farei davvero un grande spoiler.
Vi do solo un indizio: baffi tolti con la CGI.
Ho detto anche troppo!

Vi stupirò, forse, con questa mia conclusione: Justice League, alla fin fine, mi è piaciuto. O meglio, sono riuscita a godermelo.
Le scene d’azione sono ben fatte, c’è un giusto equilibrio tra serietà e cazzoneria; la trama, per quanto banale, scorre senza particolari intoppi. Il mio consiglio è di andare a vedere Justice League senza troppe pretese. Non fatevi il sangue acido, non ne vale la pena.
Pensate questo: non potrà mai essere peggio di Batman e Robin.

 

Natasha Vagnarelli
@BlackWidow

  • Laura

    Carissima @BlackWindow apprezzo la tua analisi di Justice League e per carità ogni osservazione che hai mosso nel dettaglio per i vari personaggi credo che sia corretta e ponderata.
    Però credo che ci siano due grossi punti importanti che vanno a sfavore della tua analisi e che sono tra l’altro i cardini su cui ti basi per quella che definirei più che una recensione una critica al film generale poiché i punti positivi sono poco evidenti e posti in 2 righe sotto molte critiche negative: se il film ti è piaciuto davvero, io non l’ho capito.
    Detto ciò non mi dilungo oltre e ti spiego secondo me quali sono i cardini su cui la tua critica si fonda e che ti portano per forza di cose ad averne una visione così negativa.
    1) Sei partita ad analizzare il film facendo subito un confronto con la Marvel. Allora è indubbio che la trama si assomigli ad uno dei tanti film Marvel e se vogliamo ogni personaggio del film potrebbe avere il suo corrispettivo all’interno dell’universo della Marvel, ma questo è abbastanza ovvio e scontato. Sono due case cinematografiche e fumettistiche che si fanno “la guerra” amichevolmente parlando da quando sono nate, e senza andare a vedere chi ha fatto prima cosa, è banale ritrovare delle figure che si assomigliano e che ricalcano a vicenda alcuni tratti.
    Quello che secondo me non si dovrebbe fare è paragonare Batman ad Ironman un supereroe che gode ben di tre film interamente dedicati al suo personaggio alle spalle.
    2) Numero due e mi ricollego direttamente al primo punto non si può criticare questo film perché i personaggi non sono stati approfonditi ulteriormente e perché per forza lo dobbiamo mettere a confronto con Avengers perché non sono due cose che vanno messe a confronto per il semplice fatto che: 1- Se avessero dovuto fare un analisi più profonda di tutti i personaggi il film sarebbe durato 4 ore. 2- Questo non era un film incentrato sui singoli personaggi e sui loro aspetti psicologici ma semplicemente è un film d’azione. Che poi i personaggi abbiano una storia e che questa non sia stata ancora raccontata ma solo parzialmente accennata è legittimo, penso. La Marvel quando ha fatto il primo X-Men non ha avuto la pretesa di analizzare nel profondo tutti i supereroi che vi aveva piazzato all’interno e nemmeno la psicologia intrinseca dietro al personaggio del professore o di Wolverine (esempi), ma lo ha fatto lentamente nel corso del tempo e degli altri film che sono stati prodotti.

    Ultima osservazione davvero lo prometto è questa: spezzo una lancia in favore del povero Ben Affleck, lo si continua a paragonare al Batman di Nolan. Ora, io capisco che, come con la Marvel, anche qui la comparazione venga spontanea ma io vorrei cercare di capire di che cosa stiamo parlando, ovvero stiamo giudicando le capacità recitative dell’attore, oppure la resa del personaggio da parte del regista? Credo che la differenza sia sottile ed a volte si perda, e credo che se l’obiettivo del regista fosse quello di rendere questo nuovo Batman più umano e meno capace degli altri supereroi per renderne la fragilità e quasi l’inferiorità fisica rispetto agli altri personaggi per esaltare in lui la parte viva del voler fare la differenza e voler salvare l’umanità pur essendo quello con le capacità inferiori a livello fisico, beh credo che il risultato sia stato ottenuto alla perfezione.
    Io non so come sarà questo nuovo Batman e non vedo l’ora di scoprirlo quando finalmente sarà dedicato un film interamente al suo personaggio.
    Per quanto riguarda Diana (sono di parte poiché anche io amo l’attrice Gal) e purtroppo qui ti devo dare ragione in pieno, essendo già presente un film interamente dedicato a lei anche io concordo con il fatto che sia stato reso molto poco e a tratti in modo banale il suo aspetto psicologico.
    Per quanto riguarda gli altri personaggi invece credo che siano tutti da scoprire..;)
    Fatte queste osservazioni, dovendo dare un giudizio impari e senza paragoni con altri film di altre storie, il film mi è piaciuto e credo che fino ad ora, tra i nuovi film prodotti dalla DC, sia anche il più bello. (Si purtroppo lo devo ammettere, il film su WonderWoman mi è piaciuto molto ma è povero nell’analisi psicologica del personaggio di Diana che in quel caso, essendo un film appositamente incentrato sul personaggio, avrebbe dovuto essere un pochino più approfondita).
    Questa è la mia critica alla tua recensione spero che avere qualcuno che la pensa in certe cose in modo diverso da te e che ti abbia espresso la sua opinione ti faccia piacere. Amo le discussioni specie con un punto di vista diverso dal mio. Non prendere assolutamente il mio come un attacco perché non lo è, ma se devo difendere le mie opinioni lo devo fare in modo convincente se devo persuadere gli altri..:)
    Ti ringrazio tantissimo della tua recensione continua così..:)
    E avete un nuovo iscritto alla comunity perchè questo è il mio primo commento. Baci
    Laura

    • Natasha Vagnarelli

      Ciao! Allora ti ringrazio infinitamente per aver letto la recensione e per aver commentato! <3 Non prendo assolutamente nulla come un attacco, anzi! Penso che il confronto sia importantissimo!
      Riguardo a quello che mi hai scritto, ti dico subito la mia risposta:

      1) Il confronto con la Marvel l'ho fatto non perché volessi prendere questa come modello. Il punto è che, proprio perché si tratta di due case "rivali", in Justice League avrei voluto vedere qualcosa di un po' diverso rispetto a quello visto in Avengers. Verissimo anche quello che dici tu, ovvero che è difficile per questo genere di film creare una trama molto innovativa, però ammetto che in questo caso mi è sembrato tutto troppo simile. Diciamo che questa è una visione molto personale!
      Per quanto riguarda il paragone Batman/Iron Man, probabilmente non mi sono spiegata bene, ma non volevo paragonare i personaggi, che sono completamente diversi, ma il ruolo. Qui Bruce Wayne, a mio parere ovviamente, sembra essere posto con il ruolo di Tony Stark, ma non funziona, appunto perché sono due personaggi diversi. Batman non può essere il "leader" carismatico che è Iron Man, almeno secondo me.

      2) Verissimo, dare spazio a tutti i personaggi è molto difficile, e per questo penso che l'uscita di Justice League sarebbe dovuta essere posticipata dopo almeno un film per ogni personaggio. Il punto è, secondo me, la disparità e il modo in cui hanno provato ad analizzare i personaggi. Con alcuni non l'hanno minimamente fatto (Aquaman), con altri ci hanno provato (Cyborg) lasciando però la cosa a metà. Avrei preferito o qualche piccolo accenno a tutti o a nessuno, perché così mi è sembrato un po' raffazzonato.

      Riguardo a Ben Affleck, io non l'ho paragonato al Batman di Nolan. Il Batman di Nolan l'ho citato riguardo al come può essere fatto un film sui supereroi rendendolo più profondo.
      Anche perché, mio personalissimo parere, per me Michael Keaton è l'unico attore che, finora, abbia reso al meglio Batman.
      Per quanto riguarda Ben Affleck, e anche qui, è un mio parere, quelle cose che hai citato tu, ovvero la fragilità umana ecc, non le ha rese molto bene; come ho scritto anche nella recensione, il risultato mi è parso un po' goffo, poco "drammatico" e introspettivo come mi aspetto da un Bruce Wayne.

      In generale il film per me è godibile; ci sono cose che non mi hanno fatto impazzire, ma ci ho dovuto riflettere perché, uscita dalla sala, ero comunque contenta del film, mi ha intrattenuto, ma ho voluto essere un po' più fredda nell'analisi.

      Spero che questa risposta possa essere in qualche modo soddisfacente, e ancora ti ringrazio per il tuo commento 🙂
      Ovviamente è molto difficile avere un solo parere su un film come questo, e il dialogo è fondamentale anche perché mi aiuta molto per le recensioni future.
      Spero continuerai a leggerci! <3

      • Laura

        Ti ringrazio molto della tua risposta, e scusami pensavo avessi paragonato il Batman di Nolan a questo poiché in molti lo fanno ed ho travisato: mea culpa..;)
        Ti ringrazio per i chiarimenti, ovviamente io ho risposto in base a quello che mi hai trasmesso con la recensione, che può essere diverso anche da quello che percepisce qualcun’altro leggendola.
        Mi fa piacere a questo punto che ti sia piaciuto, certo non è il film dell’anno ma mi fa piacere che anche tu comunque lo abbia apprezzato.
        Mi fa piacere anche avere una opinione diversa dalla tua, altrimenti sai che noia?;)
        Per i personaggi si è vero alcuni sono un po’ poveri e in particolare Cyborg qui ti do ragione, del quale non si capisce bene il motivo del cambiamento, per quanto riguarda Acquaman invece penso che il fatto di fare solo un accenno sia stato voluto, in fin dei conti non sappiamo nulla di lui, era un componente della squadra ma non ci è ancora effettivamente stato presentato..vedremo in futuro come lo presenteranno.;)

        Per quanto riguarda il discorso di questo film posto in questo momento cinematografico invece che dopo altri film incentrati sui personaggi, non saprei sai, in fin dei conti il primo film della Marvel X-Men parte un po’ dal nulla e non pretende di dare grosse spiegazioni sulla storia dei personaggi singoli che spiega appunto nel corso di altri film ed in ogni film si concentra più su alcuni personaggi e meno su altri.

        Per quanto riguarda il discorso Batman non può essere il leader carismatico che è Ironman certo! Concordo con te! E credo che fosse proprio questo anche lo scopo del regista far vedere questo diciamo lato un po’ fallimentare di Batman in generale, penso volesse renderlo proprio a questo modo ed anche l’essere un po’ “goffo” sensazione che in alcuni momenti ha dato anche a me penso che fosse più una scelta piuttosto che un “errore”, per questo infatti dicevo che non vedo l’ora di vedere un film veramente incentrato su Batman con Affleck per capire se è veramente così oppure se ho completamente travisato io con la mia visione sono molto curiosa e non vedo l’ora perché un film su Batman potrebbe permetterci di confrontarci ancora 😉 e non vedo l’ora..:) Un abbraccio
        Laura

        Ps. certo che continuerò a leggervi..:)

  • Roberto Lunelio

    Grande Natasha! Mi piaci così KATTIVAH! (leggilo come lo leggerebbe Elenoire Ferruzzi)

    • Natasha Vagnarelli

      Ahaha grazie mille! XD <3

  • Flavio

    Ciao Natasha ho appena letto la tua recensione e mi è piaciuta molto, soprattutto lo stile amichevole che hai usato. Sono d’accordo con te su diversi punti mentre per altri sei riuscita a chiarirmi le idee dato che devo scriverne anch’io una.. quindi grazie 🙂
    Secondo me nel complesso costituisce un film accettabile e come hai detto tu da andare a vedere senza troppe pretese. L’ho trovato un 50 e 50 tra alcune cose ben riuscite e altre pessime, però con questo il DC Cinematic Universe mi ha dato l’impressione di aver finalmente imboccato la strada giusta (ecco magari ci si è solo affacciato ma è già qualcosa).
    Per quanto riguarda i personaggi eh.. Batman e Baffoman non mi sono poi così dispiaciuti, niente di eccezionale, però li ho trovati caratterizzati meglio rispetto ai film precedenti (mi accontento di poco). Anche Wonder Woman alla fine secondo me strappa la sufficienza ma è stata decisamente resa meglio nello standalone.
    Su Cyborg la penso come te, interessante e che prende subito all’inizio ma purtroppo il personaggio non rimane sulla stessa linea per tutto il film.
    Flash invece sarà pure simpatico ma gli fanno fare troppe battute forzate, mentre Acquaman devo dire che a gran sorpresa mi ha incuriosito parecchio, nonostante si punti palesemente sull’immagine di Jason Momoa tra le onde e un’Atlantide appena abbozzata, penso proprio che andrò a vedere il film su di lui, che poi è diretto da James Wan e quindi una possibilità bisogna concedergliela 😉
    In conclusione voglio rimanere ottimista per il futuro e a Justice League se dovessi dare un voto sarebbe un bel 6 di incoraggiamento.

    • Natasha Vagnarelli

      Ciao! Sono contenta che la recensione ti sia piaciuta, e lieta che ti sia stata d’aiuto! 🙂
      Diciamo che per i personaggi avrei preferito qualcosa di più, e sono rimasta un po’ delusa, però comunque voglio essere anche io fiduciosa.
      Flash secondo me invece rende bene, rispetto a tutti, e Aquaman, a mio parere, incuriosisce molto secondo me per Jason Momoa, e questa cosa mi fa storcere un poco il naso. Comunque anche io andrò a vedere il film su di lui!

  • Rosy

    Io credo che sia un bene che i film DC non seguano la stessa strategia di quelli Marvel… ovvero film singoli-> Film in squadra. Darti quei piccoli accenni dei personaggi in un film in cui questi appaiono per la prima volta insieme ad altri già conosciuti, ti fa venir su la curiosità di saperne di più su di loro e di andare a vedere i loro film… E secondo me questa strategia funziona: prima di vedere questo film non ero granché interessata ad un film su Cyborg o su Acquaman, probabilmente li avrei visti a distanza di tempo da quando sono usciti e non al cinema… adesso invece non vedo l’ora di saperne di più su di loro… e ho la strizza di vedere un film su Flash, che qui ho letteralmente adorato. Ho amato Superman ritornato dalla morte più consapevole di sé stesso di quanto fosse prima e mi è piaciuto tanto anche Batman, del quale ho interpretato le differenze caratteriali rispetto a BvS come una conseguenza dell’evoluzione del personaggio.
    Però posso criticare una cosa della tua recensione?
    Critichi il film perché troppo simile ad Avengers e successivamente critichi la scelta DC di fare prima il film assemble e poi i singoli, che è l’unica cosa in cui hanno cercato di essere originali ;p

    • Natasha Vagnarelli

      Ciao!
      Infatti io ho parlato della trama del film, non un generale paragone Marvel/DC 🙂 Anche perché il mio punto era che secondo me fare film singoli prima può aiutare a bilanciare i ruoli dei personaggi nel film d’insieme 🙂
      Ovviamente però è una mia opinione 😉
      Spero continuerai a leggerci!

  • Miriam Bongiovanni

    Ciao Natasha, ho visto il film e sono in parte d’accordo con ciò che dici. Personalmente il film mi ha deluso, mi aspettavo di meglio e ho notato dei buchi di trama impressionanti. ATTENZIONE SPOILER.
    .
    .
    .
    No commenterò i personaggi perché già lo hai fatto tu, parlerò di ciò che ho trovato quasi fastidioso. Innanzitutto l’ultimo cubo che avevano a disposizione per resuscitare Superman: dovevano proteggerlo a tutti i costi per evitare che cadesse nelle mani del cattivo e evitare che la terra venisse distrutta. E invece che fanno? Appena Superman torna in vita quasi lo dimenticano, nessuno lo va a recuperare, rimane incustodito perché sono tutti impegnati a lottare contro Superman. E ovviamente cade nelle mani del nemico che probabilmente non aspettava altro. Di tutti i personaggi che c’erano nessuno poteva recuperarlo? Neanche Alfred, il maggiordomo/braccio destro di Bruce Wayne? Possibile che nessuno abbia pensato ad una cosa così importante? Assurdo. Potevano giocarsela molto meglio per fare il finale.

    Parliamo di Superman. Scena del combattimento in Russia con il cattivo. Tutti sembrano essere sul filo del rasoio, nessuno della JL riesce ad avere la meglio. Sembra proprio che abbiano bisogno di aiuto. E chi arriva? Eccolo lì, l’uomo d’acciaio… MA NON ME LO SAREI MAI ASPETTATO. Personalmente zero suspence. Troppo scontato, si sentiva troppo come entrata in scena, fin dall’inizio del combattimento. Ma dopotutto, che lo hanno resuscitato a fare? La sua entrata in scena durante il combattimento troppo scontata.

    Parliamo della resuscita. Non so chi ha visto Batman vs Superman l’anno scorso, mi sembrava chiaro che alla fine del film Superman fosse palesemente ancora vivo dato che nell’ultima scena, la terra sopra la sua tomba di fosse alzata. In questo film invece è effettivamente morto, però, detto in parole povere, il corpo non si decompone per via delle sue cellule aliene. Ma è MORTO.
    Spiegatemi allora che senso aveva quella scena alla fine del film precedente, perché non trovo alcun collegamento con questo, l’hanno resa inutile come conclusione a parer mio. Se qualcuno ha una spiegazione a questo mio dilemma e a questa incongruenza tra i due film sarò lieta di ascoltare e capire meglio.

    Grazie mille per l’attenzione, sono stata un po’ cattivella ahah Complimenti a tutta la redazione per le recensioni, vi leggo con molto piacere 😀

    • Natasha Vagnarelli

      Ciao! Concordo con tutto quello che hai detto; purtroppo non ho potuto inserire queste cose nella recensione, altrimenti avrei fatto decisamente troppi, troppi spoiler XD
      Però i buchi di trama ci sono, decisamente, però comunque non posso dire che, senza fare un’analisi, andando con aspettative basse, non mi sia goduta il film. “L’incazzatura” è arrivata dopo 😀

      Sono contenta che tu ci legga volentieri, spero continuerai a seguirci! 😉

13 marzo 2018

Animali Fantastici e I Crimini di Grindelwald | TRAILER REACTION

Ciao! La mia reaction al primo trailer di “Animali Fantastici e i Crimini di Grindelwald” e qui sotto il trailer […]

29 novembre 2017
Stranger Things 2 Recensione

Stranger Things 2 – Le Cose Davvero Strane | #MercoledìCinema

Mercoledì ci spiega quali sono le vere stranezze di Stranger Things 2, la serie TV targata Netflix scritta ed ideata da […]

27 novembre 2017

Marvel e DC: il gioco delle coppie

Marvel o DC? Questo è il dilemma Cioccolato fondente o al latte? Pepsi o Coca-Cola? M’ama o non m’ama? Marvel […]

10 dicembre 2018

Come starà Emma Stone nella pelliccia di Crudelia De Mon?

Con l’inverno alle porte, anche per Emma Stone é arrivato il momento di indossare la pelliccia, e che pelliccia direi, […]